monteroduni


Vai ai contenuti

Associazione "Eddie Lang"

Associazioni

Eddie Lang


Eddie Lang, al secolo Salvatore Massaro, nacque a South Philadelphia il 25 ottobre del 1902, ultimo dei sette figli di Domenico Massaro e di Carmela Tamburri, entrambi nativi di Monteroduni, allora in provincia di Campobasso. Eddie Lang, campione di basket ed idolo dell'infanzia del piccolo Salvatore, fu lo pseudomino scelto da questi per la brillante avventura nel mondo del Jazz americano. Sin da piccolo musicalmente molto dotato, ebbe una formazione musicale classica e fu avviato allo studio del violino da valenti maestri italiani.Eddie imparò a suonare la chitarra da autodidatta e fu proprio verso questo strumento che diresse la sua predilezione, al punto che nel 1917, a soli 15 anni, ebbe il primo ingaggio con il pianista Chick Granese presso lo Shott's Cafè di Philadelphia. Del gruppo faceva parte anche Joe Venuti, violinista ed amico d'infanzia col quale Eddie Lang avrebbe intrapreso un sodalizio memorabile nella storia del Jazz durato tutti gli anni '20, di volta in volta affiancato ai vari Tommy e Jimmy Dorsey, Bix Beiderbecke, Frank Trumbauer, Louis Armstrong, nonchè nelle band di Paul Whiteman, King Oliver, Charles Kerr e Jean Goldkette. Il Jazz nasce negli anni '20 ed Eddie Lang ne è certo uno dei padri traendo da repertori tradizionali e classici, quali romanze e mazurke, quella "rivoluzione in 4/4" che segnò il passaggio dal ragtime con i suoi inciampi ritmici al fluido 4/4 su cui il Jazz è basato.

Associazione Eddie Lang Blue Music


L'Associazione Eddie Lang Blue Music,si propone di operare in ambito locale e regionale contribuendo a realizzare, in sintonia con quanto previsto dallo Statuto, una serie di iniziative utili a convogliare verso il Molise l'attenzione degli operatori nazionali ed internazionali di turismo culturale. Le attività che l'Associazione intende promuovere sposano appieno un principio ispiratore che individua, nella formazione di future generazioni di "operatori culturali", l'elemento propulsivo della propria azione. Tutto ciò sarà reso possibile mediante la valorizzazione delle risorse umane esistenti in loco; contestualmente, occorrerà attivare una serie di iniziative non occasionali a carattere divulgativo - formativo nel segno della più qualificata professionalità (corsi stabili di formazione e/o perfezionamento, seminari, festival, concerti, concorsi ed altre iniziative).In questo ideale percorso l'organizzazione dell'Eddie Lang Jazz Festival, assume una rilevanza strategica in virtù del fatto che rappresenta probabilmente quanto di meglio la comunità monterodunese sia riuscita ad esprimere in termini di offerta culturale nell'ultimo ventennio.Il ricordo della figura di Eddie Lang simboleggia il riscatto per intere generazioni di emigranti che ambivano a condizioni di vita più agevoli in terre lontane; in tal senso, l'Associazione ritiene la rivalutazione di quello che da più parti viene considerato "il padre della chitarra jazz", effettuata attraverso iniziative finalizzate a valorizzarne la grandezza di uomo ed artista, un'operazione culturale dedicata non solo alla memoria del personaggio ma a generazioni passate e presenti, in Italia come all'estero, di un'intera comunità che rinsalda, in questa circostanza il forte legame con la propria storia. Eddie, l'uomo,l'artista,il mito che non conosce tempo.



Torna ai contenuti | Torna al menu