monteroduni


Vai ai contenuti

Il Castello Pignatelli

Il Paese > Il Castello

Il Castello Pignatelli di Monteroduni


In assenza di notizie esplicite, la circostanza che la comunità di Monteroduni invochi S. Michele Arcangelo come suo protettore ci aiuta a comprendere che le origini del suo insediamento debbano essere ricondotte all'epoca longobarda, quando il principe degli Angeli veniva considerato come il protettore delle postazioni fortificate di nuovo o antico impianto. Tutta la valle del Volturno, da Venafro ad Isernia, alle terre di S. Vincenzo, sistematicamente vede coincidere il culto per S. Michele (o più semplicemente per S. Angelo) con le parti apicali dei colli dove si impiantano rocche e castelli longobardi a difesa del territorio o dei primi nuclei urbani. Certamente anche il Monte di Roduni, forse dal nome di qualche longobardo che l'ebbe in possesso, fu abitato già prima del Mille ed il suo nucleo originario era di dimensioni ridottissime rispetto a quelle attuali. Si ha una prima notizia della fortificazione di Monteroduni all'epoca di Enrico VI quando Bertoldo di Kunsberg, alla testa di soldati tedeschi e fiorentini, assalì nel 1193 il castello che era tenuto dai fedeli di Manfredi e dove, come racconta il Ciarlanti, mentre accomodar faceva le sue machine presso le mura, li fu da quei di dentro scagliata una pietra con un manganella, ch'era machina per trar sassi, per la cui percossa ne venne miseramente a morire. La notizia, che ci proviene dalla cronaca di Riccardo di S. Germano, se non ci dice nulla sulla struttura urbana di Monteroduni, ci è utile per comprendere come fosse importante il sito nell'ambito dell'organizzazione castellana della fascia mediana del Matese.L'attuale castello certamente non ha nulla a che vedere con l'originaria fortificazione longobarda, anche se con assoluta sicurezza ne occupa una parte fondamentale. Dall'esame dell'attuale impianto murario, infatti, si può ritenere che il nucleo più antico della rocca di Monteroduni corrisponda a quel complesso di costruzioni che sovrastano la cosiddetta porta falsa dove ancora si ritrovano i segni di una torre dall'impianto quadrangolare sicuramente di epoca anteriore a quella angioina. Da tale torre, che forse costituiva l'elemento difensivo più qualificante del primo nucleo urbano (poco più di un agglomerato di case di legno), si sviluppava una cinta muraria di una certa consistenza e che oggi potrebbe corrispondere all'attuale murazione del giardino del Castello. Tale struttura difensiva, che doveva inizialmente essere molto semplice, in epoca angioina, intorno al XIV secolo, venne dotata di tutte quelle torrette a scarpa che, prima della loro riduzione in altezza, costituivano il sistema puntuale di difesa radente della cinta muraria. Con l'introduzione delle armi da fuoco tutta l'originaria cittadella assunse un aspetto diverso anche per il fatto che il nucleo urbano si era notevolmente esteso fuori dell'originario limite e le torrette angioine furono spianate per essere adeguate a formare piccoli baluardi adatti ad ospitare macchine detonanti.Queste trasformazioni avvennero, presumibilmente, dopo il 1503, quando il feudo di Monteroduni passò a Ludovico d'Afflitto, i cui discendenti lo tennero fino al 1668. Non si hanno notizie epigrafiche, ma dai caratteri dell'architettura e dell'impianto generale del castello, possiamo ragionevolmente ritenere che con i d'Afflitto l'edificio assunse sostanzialmente la forma attuale, anche se di altezza ridotta rispetto a quella che oggi si vede. Cessata definitivamente la sua funzione difensiva, furono i Pignatelli della Leonessa, ed in particolare il principe Giovanni, a cominciarne una sostanziale trasformazione per adattarlo esclusivamente a residenza. L'archivio domestico dei Pignatelli è particolarmente utile per comprendere le condizioni disastrose in cui i Pignatelli trovarono l'edificio e quali opere siano state effettuate per restaurarlo ed adattarlo alle esigenze dell'epoca. Ai primi del XVIII secolo risale il rifacimento del grande salone con il soffitto ligneo formato da 190 tavole di querciolo dipinte a tempera. Oggi il restauro ci consente di vederlo quasi integralmente e di cogliere di esso i caratteri decorativi e celebrativi.Trasformato più volte nel tempo, il castello assunse la forma attuale intorno ai primi di questo secolo quando, seguendo la moda delle libere ricostruzioni medioevali, furono realizzate le quinte merlate del coronamento apicale. Durante i lavori di restauro si sono evidenziate le fasi principali delle trasformazioni e si sono adottate conseguentemente tutte le precauzioni per garantire non solo un consolidamento statico di tutto il complesso, ma anche una lettura degli elementi tipologici recuperati. Di particolare pregio i portali in breccia rossa del Matese la cui esecuzione può essere ricondotta al XVIII secolo. Non è da escludere che il documentato trasferimento da Roma a Monteroduni dei fratelli Geremia e Domenico Ferretti, abili marmorari ai quali appartiene il battistero interno della locale chiesa di S. Michele, sia stato determinato proprio dalla commissione di tali portali da parte dei Pignatelli. Più antico, sicuramente del XVI secolo e quindi dell'epoca dei d'Afflitto, è il notevole scalone che collega la piccola corte interna al piano nobile. Del 1752 è la grande tavola lapidea con la pandetta dei pedaggi che si pagavano per passare la Lorda, murata dal 1890 all'ingresso principale del giardino, subito dopo il portale sormontato dallo stemma settecentesco dei Pignatelli.


Il soffitto ligneo del salone


E' costituito da 190 tavole piane di querciolo dipinte a tempera su preparazione di gesso e sistemate in fasce parallele accostate tra di loro in maniera da coprire l'intera superficie dell'ambiente che è di 140 mq. Il disegno generale del soffitto,sebbene realizzato agli inizi del XVIII secolo,si ispira alle decorazioni cinquecentesche romane ed è costituito nella massima parte da motivi floreali che si estendono senza soluzione di continuità alternando fioroni ad elementi fintomorfici fantasiosi. All'interno delle decorazioni si aprono medaglioni con busti cavallereschi che molto probabilmente si riferiscono a personaggi della famiglia Pignatelli che ne commissionò la realizzazione subito dopo l'acquisto del castello avvenuto negli ultimo anni del XVII secolo. Le figurazioni centrali presentano immagini di angeli musici,mentre quella sull'area nordorientale contiene una grande allegoria dell'Aurora che appare su un cocchio che supera le nuvole. All'epoca del passaggio di proprietà dell'edificio,che proveniva dalla famiglia D'Afflitto,il castello era in pessime condizioni. Dagli atti di apprezzo dell'immobile e dalla successiva perizia per la qualificazione della spesa necessaria si ha la certezza che grandi opere di restauro del salone,con il rifacimento del soffitto ligneo,furono compiute nei primi decenni del Settecento,seguendo,molto probabilmente,quello che stava avvenendo contemporaneamente al Castello di Venafro ove,proprio in quel periodo,il principe Giovanni di Capua aveva iniziato le opere di decorazione in vista del suo matrimonio. Anzi,la notevole analogia di alcune esecuzioni decorative(in particolare nella cornice obliqua dai caratteri ripresi da trabeazioni classiche) non è da escludere che le stesse maestranze abbiano lavorato in ambedue i castelli.



Torna ai contenuti | Torna al menu